Consigli a un giovane scrittore

Consigli a un giovane scrittore In questo libro Cerami introduce il lettore ai segreti dell arte drammaturgica materiali di lavoro atrezzi meccanismi trucchi trabocchetti Quali sono le leggi nascoste che producono la naturalezza

  • Title: Consigli a un giovane scrittore
  • Author: Vincenzo Cerami
  • ISBN: 9788806140427
  • Page: 208
  • Format: Paperback
  • In questo libro Cerami introduce il lettore ai segreti dell arte drammaturgica materiali di lavoro, atrezzi, meccanismi, trucchi, trabocchetti Quali sono le leggi nascoste che producono la naturalezza dell emozione drammaturgica Come si crea il climax Come si costruisce un dialogo Quali conseguenze comporta l uso della prima o della terza persona Che effetti producIn questo libro Cerami introduce il lettore ai segreti dell arte drammaturgica materiali di lavoro, atrezzi, meccanismi, trucchi, trabocchetti Quali sono le leggi nascoste che producono la naturalezza dell emozione drammaturgica Come si crea il climax Come si costruisce un dialogo Quali conseguenze comporta l uso della prima o della terza persona Che effetti producono i movimenti della macchina da presa E ancora come si costruisce un racconto Che differenza c tra scrittura mimetica e scrittura espressionista

    • ↠ Consigli a un giovane scrittore || ✓ PDF Read by ☆ Vincenzo Cerami
      208 Vincenzo Cerami
    • thumbnail Title: ↠ Consigli a un giovane scrittore || ✓ PDF Read by ☆ Vincenzo Cerami
      Posted by:Vincenzo Cerami
      Published :2020-04-22T18:01:36+00:00

    About “Vincenzo Cerami”

    1. Vincenzo Cerami

      Vincenzo Cerami Roma, 2 novembre 1940 Roma, 17 luglio 2013 uno scrittore, drammaturgo e sceneggiatore italiano.Nato nella capitale da genitori siciliani, allievo, alla scuola media, di Pier Paolo Pasolini, ha sempre considerato questo incontro determinante per le sue scelte successive.

    818 thoughts on “Consigli a un giovane scrittore”

    1. Il titolo è piacevolmente fuorviante. Potrebbe altrettanto bene chiamarsi "consigli a un giovane lettore/spettatore". Del resto, "si capisce meglio come funziona un orologio se si prova a costruirlo", e si capisce cosa vuol dire fare l'attore dopo aver fatto un corso di recitazione.Dopo aver letto questo libro, guardare un film, andare a teatro o leggere un romanzo sarà un'esperienza diversa da prima; sapremo riconoscere le tinche, sapremo quando il romanzo è in prima persona, in terza o in u [...]


    2. Un libro fatto di ottimi consigli, che non vanno certo presi come oro colato, ma sono indubbiamente utili. E se si legge bene, viene poi automatico leggendo qualsiasi altro libro, scomporlo o scoprire le tecniche che l'hanno portato alla luce. Così mentre leggo un brano mi viene quasi spontaneo dire: questo è scritto in terza persona; questa è una finta terza persona; questa è una metonimia; questo è un deus ex machina; questa è una tinca; eccetera. Insomma, si comincia a essere un lettore [...]



    3. Il titolo non dà merito a questo manuale indirizzato a "giovani" -18-25 anni?- "scrittori" -ma anche per lettori e spettatori-; forse si intendeva chi approccia alla scrittura? Sarebbe limitativo.Sta di fatto che lo consiglio per tutte le età a prescindere che si scriva o meno. Infatti, è una carrellata sulle diverse tecniche scrittorie nei diversi campi artistici dove la caratteristica espressiva di ciascuno condiziona, negli spazi e nei tempi, il modo di scrivere i testi.Così l'autore affr [...]


    4. Un’infarinatura generale per ogni tipo di scrittura, quindi si parla anche di teatro, cinema e radio. Ogni discorso, come dice lo stesso autore, richiederebbe un saggio a sé, tuttavia ho apprezzato il tentativo di dare uno schema minimo di partenza, nonostante sembrasse rivolto più a chi non sa ancora bene che strada prendere oppure chi vuole solo scrivere per lavoro e quindi non importa quale scegliere, vanno bene anche tutte.Molto utili i nomi e le definizioni che si usano nel settore, cos [...]


    5. Tra ferri del mestiere e spunti di riflessione (talvolta anche sui massimi sistemi), un compendio prezioso che ha il tono di una chiacchierata. Spesso illuminante e mai saccente."Chi scrive dovrebbe da un lato avere una profonda conoscenza e coscienza dei diversi linguaggi e dall'altro non dimenticare mai di evocare le dimensioni che ogni linguaggio costituzionalmente esclude. Egli deve 'far vedere' con la radio; 'far udire' con il cinema (muto); 'far udire e far vedere' con la letteratura, cio [...]



    6. Consigli a un giovane scrittore è stato per me una piccola delusione parla di tante cose, ma allo stesso tempo non dice molto.Questo piccolo manualetto è un'introduzione generale alla scrittura in un'ottica artistica generale: dalla costruzione di un racconto narrativo (scrittura creativa), alla stesura delle prime bozze di una sceneggiatura (cinema), alla creazione dei dialoghi in un'opera teatrale e così via.Alcune parti del testo le ho trovate molto interessanti, ad esempio la parte riguar [...]


    7. Cenni divulgativi sulle tecniche narrative Libriccino prezioso e doverosamente limitato. . Un giro nelle tecniche narrative di radio cinema eccetera molto utile per l'inesperto senza mai esser n� noioso n� troppo ficcante. Trucchi di scena, costruzione dei dialoghi, i tempi, le traduzioni da un linguaggio a un altro eccetera ma con giudizio e misura. . Utile per chi pensa di dedicarcisi a ripulirlo di molte illusioni. . Inutile per capire un Simenon che sapeva quasi tutto e lo realizzava con [...]


    8. This is a collection of somewhat random thoughts about writing for different media (mainly cinema and theatre, but also radio and novels). Some of the ideas are expressed beautifully, poetically, going quite beyond technical advice, but as a whole it didn't really engage me. As said, it looks more like a compendium of random notes than an structured work. However, I certainly enjoyed the last chapter -about comedy, humour, improvisation- since it provides a brief yet insightful coverage of the g [...]


    9. Il titolo è ingannevole; si parla più di cinema e teatro che non di letteratura. Interessante il capitolo sulla comicità, c'è dentro tutto Pirandello e Bergson.


    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *